Terremoto


Oggi avevo in programma
un post, ma dopo il terremoto di domenica
ho cambiato idea.

Cosa avete provato voi, che come me,
l'avete avvertito?

Io dormivo e improvvisamente
mi sono svegliata perchè il letto tremava.

Mai provata una cosa del genere.

Ero pronta a prendere Amedeo in braccio
e a dire a Max di prendere Sofia e correre
insieme fuori in strada.
Perchè il primo pensiero è andato ai piccoli.

Poi, mentre quegli eterni 20 secondi
trascorrevano
e vedevo il lampadario che ballava,
le ante dell'armadio che sbattevano, 
sentivo quel rumore sordo che fà la terra quando trema,
 la mia mente si è affollata:

Ho pensato al terremoto de L'Aquila,
a quelle persone che in un attimo
hanno perso tutto;

Ho pensato che mai mi ero
sentita così vulnerabile
dentro casa mia,
nel luogo che è, per me come per
tutti, il rifugio sicuro;

Ho pensato che basta
un attimo per perdere tutto,
per perdere tutti quelli a cui vuoi bene;

Ho pensato che la natura,
la Terra, ogni tanto si risvegliano
e ci fanno capire che non sono
loro che appartengono a noi,
ma che siano noi uomini che apparteniamo
alla Terra e alla natura e che
dobbiamo
averne rispetto.

Non sono una fifona, ma
non sono più riuscita a dormire.
E poi la terra ha tremato ancora
e ancora.

18 commenti

  1. Ciao Mara,
    Sono arrivata qui per caso e ho letto le tue parole... Mi dispiace, sono di Anzio e ho vissuto bene il terremoto dell'Aquila. E' stato terribile e so cosa stai passando.
    Hai ragione, dobbiamo aver più rispetto per la natura, come per noi stessi... Costruire case più sicure per i cittadini... ecc....
    Ti sono vicina, é il minimo che mi sento di fare.
    Un abbraccio.
    Thais
    Cucina Mon Amour

    RispondiElimina
  2. Quanto sono giuste e vere queste tue parole, l'ho sentito molto forte anche io abitando a Merano....

    RispondiElimina
  3. Eh si.. anche io ho provato quello che dici...noi che adoriamo tanto le nostre case in quel momento dentro il nostro piccolo nido non ci sentivamo piu al sicuro. Anche io sarei scappata fuori poi mio marito mi ha tranquillizzato e detto dov'era l'epicentro e così siamo rimasti in casa ma chi ha dormito più???
    E poi con la pioggia di domenica.. non si poteva neanche star fuori... Da Bologna

    RispondiElimina
  4. Posso solo immaginare quello che hai provato...qui da che ricordo non è mai capitato, ma solo ad immaginarlo mi vengono i brividi e non riesco a dirti altro se non che ti faccio un grosso abbraccio.
    Baci
    Francy

    RispondiElimina
  5. Oh Mara,
    How awful ....you all must have been so scared. I hope that there is minimal damage and that everyone is OK. I'm afraid that the translator isn't very good so I hope that I read it all correctly.
    Take care all of you. XXXX

    RispondiElimina
  6. Io sono in provincia di Reggio e anche qui si è sentito bene. Non finiva più! Ma tu di dove sei? perchè mi sembra che lo lo abbia avvertito ancora più forte?
    Miassocio al pensiero per chi i danni li subiti davvero siaumanamente che materialmente nella propria casa e nella memoria storica del proprio paese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io abito in provincia di Padova e sono convinta che tu l'abbia sentito molto più forte di me Monica! Ma mi ha lasciato impreparata e incredula...era la prima volta che mi capitava di svegliarmi in piena notte col letto che sussultava...mi ha fatto riflettere, ecco...

      Elimina
  7. Un abbraccio grandissimo, non so dire altro: Tinu

    RispondiElimina
  8. Hai trovato esattamente le parole giuste..da me il terremoto non è stato così forte, ma i sentimenti che ho provato sono stati esattamente gli stessi..
    Il mio pensiero va a chi ha perso i suoi cari e le sue cose
    Un abbraccio
    paola

    RispondiElimina
  9. anch'io sono stata svegliata dal letto che si muoveva e dal lampadario che ballava,ed abito lontano dall'epicentro (tra Cremona e Milano) quindi immagino chi era molto vicino
    la fragilità delle nostre case di fronte a questi eventi si manifesta in maniera inaspettata
    ogni volta si spera che non capiti più
    ciao
    Cris

    RispondiElimina
  10. ti abbraccio forte forte Lory

    RispondiElimina
  11. Purtroppo solo ora tanti potranno capire e condividere l orrore degli Aquilani... Io c ero quell aprile maledetto e riesco ad immaginare il tuo smarrimento, il terrore per i tuoi figli più di tutto. Godiamoci ogni momento che non siamo tranquilli neanche nel nostro letto. Ciao. Cécile

    RispondiElimina
  12. I lost my grandfather in the Skopje's earthquake in 1963. As a student in Skopje I have witnessed many "little" earthquakes, and I know exactly what your describing and feeling. My thoughts are with you, be curageous...

    RispondiElimina
  13. Che brutta esperienza cara Mara,io l'ho vissuta anni fà......
    Non scorderò mai quel rombo proveniente dalla terra e tutto il resto!!
    Prego Dio che questi fenomeni non avvengono più facendo danni enormi!!
    Mi ricordo che una volta non ve ne erano così tanti di queste manifestazioni di terremoti......
    I miei mi raccontano che ci sono stati,ma qui appena giunge Maggio per tutto il periodo estivo ormai la terra trema ogni anno!!
    Speriamo bene!!
    Ti mando un bacio
    Sabry!!

    RispondiElimina
  14. Io sono di Roma, e qui il terremoto non si è sentito, ma dopo aver visitato la provincia dell'Aquila, sono terrorizzata ogni volta che sento la parola "terremoto". Un abbraccio sincero, con la speranza che la terra abbia deciso di calmarsi un po'!

    RispondiElimina
  15. Cara Mara io non vivo molto lontano da te e il terremoto lo abbiamo sentito eccome. Purtroppo non è una cosa prevedibile e nulla possiamo per fermarlo. Molti nostri vicini hanno preso la macchina e vi hanno trascorso il resto della notte. Io, mio marito e mio figlio di 19 anni, che ci ha visti tranquilli, siamo tornati a dormire. Mio figlio si è subito addormentato e la scossa delle 5.05 non l'ha avvertita mentre noi si. Quel lontano 6 maggio '76 avevo 14 anni e ricordo benissimo quanto forte fu il sisma, la tragedia del Friuli. Poi di scosse ne ho vissute parecchie e le ricordo tutte benissimo. Io credo che ognuno di noi ha un destino segnato e definito. Ne sono certa perchè il mio bagaglio di vissuto (alquando tosto) mi ha portato a crederlo fermamente. Si possono evitare situazioni che appaiono incerte, insicure e poi magari il destino ti riserva amare sorprese. Bisogna cercare di vivere il più serenamente possibile, vivendo bene e appieno ogni giorno e godendo degli affetti più cari senza perderne mai nemmeno un istante! Un abbraccio Paola

    RispondiElimina
  16. Ciao io sono di Genova e ho provato le tue stesse emozioni!!!! Dopo le scosse non ho piu' chiuso occhio ho avuto paura per il mio bambino!!!!!Ciao baci

    RispondiElimina
  17. Noi eravamo in Toscana in questo periodo ! Ma le notizie in TV erano terribili ! Spero che non succede mai piu! Salutoni, Barbara

    RispondiElimina

Thank you for visiting me! All your comments make me happy! I will read each one carefully and respond to them!