Riflessioni di una mamma

Sono appena tornata dal "saggio di ginnastica" di Sofia all'asilo.
Niente salti mortali e triple piroette, per carità,
solo una normale lezione a cui i genitori potevano assistere,
 per vedere cosa combinano i loro pargoli nell'ora di ginnastica settimanale.
 Poi c'è stata anche la consegna dei diplomi, sissignori.






Appena arrivata all'asilo mi sono sentita "strana". Era la prima volta che partecipavo ad un incontro con altri genitori, la prima
volta che assistevo ad un momento " di passaggio" di Sofia
nella scuola materna.
Infatti, dopo la nascita di Amedeo, Sofia è rimasta
a casa per alcuni mesi, perchè per motivi organizzativi
e sanitari (non volevo mi portasse a casa un milione
di germi dato che c'era un neonato di 2400 kg)
ho preferito prendere questa decisione.
Quindi Sofia, e di conseguenza io, abbiamo perso
tutti gli altri incontri precedenti.

Dunque.

Primo:
 mi sono sentita immersa in un mondo di "mamme da asilo", quelle
che sono conosciute solo perchè mamme di xy.
Ho provato una strana sensazione.
Io, con le mie ballerine rosse, i jeans,
la cresta in testa (eh sì, l'avreste mai detto?)
ho capito di essere una "mamma da asilo".
Forse è stato uno di quei momenti
in cui capisci di aver chiuso un'era
e aperto un'altra.
Confesso di essermi sentita un po' a disagio.
Ma come?, mi sono detta,
sono già arrivata qui?
Sofia è già così grande?
Io sono già così grande?



Secondo.
Tutti erano armati di macchina fotografica,
cellulari e videocamere.
Io no.
Mi sono sentita un verme.
Nell'aria sentivi l'eccitazione
di circa 40 tra mamme,
papà e nonni, pronti ad immortalare
la capacità ginniche del principino/principessa di casa.
Erano più eccitati dei bambini.
Si sbracciavano per salutarli.
Io no.
La mia formazione montanara
mi porta ad una naturale riservatezza.
Confesso che l'idea di portare
apparecchiature elettroniche/fotocamere
non mi ha neanche sfiorato.
Ho pensato che non volevo
sovraeccitare Sofia o caricarla di aspettative
per questo momento.
L'ho vissuta come una lezione aperta,
non come la finale olimpionica dei 100 metri piani.
Con questo non giudico nessuno, per carità,
non sono proprio il tipo.
Semplicemente prendo atto delle mie
differenze.
E proprio per questomi chiedo:
Sono una brava mamma per Sofia in questo momento?
Non sono forse troppo concentrata su Amedeo
e sulle sue prime scoperte del mondo?
Avrei dovuto sbracciarmi di più?



PS: lei era la più piccolina di tutti, ha cercato di
fare diligentemente tutte le attività che il maestro
proponeva, e mi ha fatto
una gran tenerezza vederla relazionarsi
con gli altri bambini.
All'inizio,

quando l'ho vista entrare tutta concentrata,
m'è anche scappata la lacrimuccia,
lo ammetto.


45 commenti

  1. La insegnante delle elementarizzi Bea mi insegna: mai relazionarsi con le altre mamme... e detto da una maestra forse un buon motivo c'è...
    Io son di quelle che si sbraccia e fotografa ma le emozioni più forti le viviamo a due e lei lo sa...
    buona festa della mamma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già le emozioni si vivono a due, e forse è per questo che ho il groppo in gola da stamattina e non vedo l'ora di andarla a riprendere all'asilo!!!!

      Elimina
  2. sei una brava mamma, ti assicuro, al di là della macchina fotografica! un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Oh Mara,
    Please don't worry....you are a wonderful mum . There is so much 'competition' between mum's and their children and you have to try and ignore it and just go with your heart. You are doing brilliantly and Sophia and Amedeo will grow up beautifully.
    Have a lovely weekend Mara and carry on just the way you are. Much love. XXXX

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Jackie! I think that this morning was one of the first moments in your life... moments that make you think about a lot of things!

      Elimina
  4. A volte credo di essermi persa dal vivo momenti di feste varie perché nascosta a guardare dietro una telecamera( e considera che io comunque l'ho usata veramente poco!) Poi in vita mia, quei filmati non li ho neanche più rivisti. La realtà è meglio delle foto, i veri ricordi sono negli occhi. Non dico di non aver trascorso bei momenti alla scuola materna... ma usciti da feste, chiacchiere di mamme e altro... è stato un vero sollievo! ... poi ognuno reagisce a modo suo! Per me è stato così!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso di essermi sentita strana proprio perchè ho realizzato che negli anni a venire ce ne saranno molte di occasioni come questa, fatte di chiacchere di mamme e feste...e forse non ero preparata...

      Elimina
  5. Ognuno di noi si relaziona con i propri figli in maniera naturale.... Tu sei così (e anche io),e i nostri figli ci amano e ci conoscono in questo modo. Se Sofia ti avesse vista armata di ogni ben di Dio tecnologico si sarebbe sentita spiazzata... Rimani come sei,vera.... I ricordi ce li abbiamo nel cuore per sempre...Baci e buona festa della mamma...JERRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jerry, auguro anche a te una dolcissima festa della mamma!

      Elimina
  6. Già il fatto che ti poni delle domande vuol dire che cerchi di fare del tuo meglio,che fai autocritica. Se non ti va,non scattare foto oppure fallo in maniera meno chiassosa degli altri che spesso esagerano. Ricordo con tenerezza quelle esibizioni di mia figlia e sono passati,come un soffio,tanti anni.Ora ha lasciato il nostro paese per studiare a Roma,8 ore di viaggio ci tengono distanti e fa tutto senza di me.
    Goditi questi momenti!
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, questi anni passano in un soffio, anche di questo mi sono resa conto oggi!
      Buona festa della mamma!

      Elimina
  7. DA MAESTRA TI DICO: HAI FATTO BENE A VIVERE TUTTO QUESTO CON NATURALEZZA E, QUINDI, A FARLO VIVERE ANCHE A LEI; L'IPERCOMPETIZIONE DELLE MAMME SI TRADUCE SEMPRE IN COMPORTAMENTI SCORRETTI E AGGRESSIVI A SCUOLA, ANSIE DA PRESTAZIONE E TALVOLTA RIFIUTI AD AFFRONTARE QUALSIASI COMPITO E QUANDO TI CAPITANO 30 BIMBI (SE NON DI PIù) A VOLTE PASSI LE ORE A DIRIMERE LITIGI!!
    P.S.: L'ASILO PROBABILMENTE NON L'HAI FREQUENTATO NEMMENO TU (PERCHè SEI GIOVANE), SOFIA VA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA!
    LAURA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah!!! No, no, con i miei 33 anni ti posso assicurare che l'asilo l'ho frequentato!!! però hai ragione, devo imparare a chiamarlo scuola dell'infanzia!

      Elimina
  8. non sono mamma quindi non so proprio cosa dirti se non che ho il sentore che nella tua situazione mi sarei forse sentita e comportata allo stesso modo. Non sono competitiva con me stessa (odio la competitivitá e l'essere al centro dell'attenzione) e credo che sará lo stesso con i miei futuri figli... fino tavolta ad arrivare all'opposto che é sicuramente negativo (mettersi in disparte ecc.ecc.) ma vedo un mondo in cui effettivamente la competitivitá e il mettere il proprio figli su un piedistallo e osannarli ecc.ecc. é abbastanza comune. Quindi la mia idea, per non saper ne leggere ne scrivere, é di seguire il proprio istinto, come stai facendo tu, il proprio modo di pensare, il modo di essere e il modo in cui si é stati educati e abituati, e non seguire necessariamente le masse.. anzi. Non credo sia facile peró, perché é sempre piú facile conformarsi :(
    e in ogni caso sono sicura che stai facendo un ottimo lavoro con i tuoi bimbi!
    un abbraccio cara
    fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh! cara Federica io dico sempre che seguo "la pancia", in questo modo sono sempre sicura di fare o non fare ciò che desidero veramente... indipendentemente da tutti gli altri.

      Elimina
  9. Cara Mara io dico sempre che il mestiere di genitore è quello più difficile del mondo e poi è un lavoro dal quale non puoi dimetterti ne tantomeno andare in pensione. Sono sicura che la piccola Sofia non ha badato minimamente al fatto che tu avessi o meno la macchina fotografica, per lei la cosa importante era che la sua mamma fosse lì con lei a vivere questa nuova esperienza.Felice festa della mamma!!! ^__^ !

    RispondiElimina
  10. non sono mamma e forse non dovrei intervenire nella discussione...ma a pelle ti dico che sicuramente avrei fatto come te. Forse si da troppa importanza, oggi, a dei passaggi che sono normalissimi, momenti di incontro che i bambini dovrebbero vivere in modo naturale. Hai detto bene di non voler caricare tua figlia di ulteriore ansia...è così piccola!
    Forse senza il filtro di apparecchiature varie ti sei goduta il momento e ti sei concentrata di più sulla tua piccola...
    Auguri per la festa della mamma!

    RispondiElimina
  11. Splendida mamma con la cresta!! E davvero chi l'avrebbe mai detto! =)
    Io sono una mamma piagnona, che immancabilmente si commuove e fotografa un sacco, anche se razionalmente so bene che sono cose piccole e per niente eccezionali. Ma che ce devo fa? Sono così,e non posso fare diversamente, così come TU sei come sei e non potresti (nè dovresti) essere altro ... =)
    Un grandissimo abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto giusto Silvia: ognuno vive la maternità nel modo che gli confà meglio, a seconda del proprio carattere!

      Elimina
  12. Growing children up is the hardest work you'll ever do and it appears that you take your responsibilities seriously...you're a great Mom, don't worry, sweetie.
    Happy Mother's Day and give the kids a hug from America,
    Becky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you Becky! me and the kids give you a huge hug back!

      Elimina
  13. Il più importante, non'é la macchina fotografica, é vivere il momento con intensita e questo, l'hai fatto molto bene, secondo la tua personalita ; quanto ci facciamo soffrire, noi mamme !xx

    RispondiElimina
  14. Sai Mara, io trovo che tu sia una mamma molto sana ed equilibrata. Molta gente non riesce a viversi e a godersi i momenti migliori, perché troppo impegnata a fotografarli! Non ho mai capito il senso di questa cosa, e sono felice di non essere l'unica.

    Un abbraccio

    Viviana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana, scometto che hai passato una bellissima festa della mamma assieme al tuo Fosco!

      Elimina
  15. carissima, sapessi quante volte anche io mi sono trovata nella tua stessa situazione, e mi sono sentita come te. Penso che avere questo tipo di pensieri e di sentimenti fa parte dell'essere mamma, perché per noi stesse non siamo mai abbastanza perfette. La cosa che ho capito dopo tanti anni é che non bisogna farsi troppi problemi ma godersi i momenti e dare tutto il nostro amore perché é quello che conta di piú per i nostri figli! un bacione, barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbara quanto hai ragione! Possibile che noi donne non siamo mai contente al 100% di noi stesse e corriamo sempre per fare/dare/lavorare di più?

      Elimina
  16. Pure io ho pianto, o meglio lacrimucce con il sorriso, nel vedere la mia pulce all'asilo che ci mostrava che le facevano fare a ginnastica e lo stesso per il suo primo saggio di danza! Non siamo nemmeno noi amanti di macchine fotografiche e cellulari ultimo modello (figurati ho un cell. comprato al Conad da poco più di 20 euro che chiama e manda sms e stop!), preferisco tenere i ricordi nella mente e nel cuore e poi scrivere tutto sul suo diario (lo tengo da quando è nata)in maniera dettagliata, attaccando dei bigliettini dell'evento...
    Per quanto riguarda il mestiere di mamma da asilo pure io mi sento mamma di xy anche perchè io rispetto alle altre sono molto più giovane (:-)), non mi piace fare i gruppetti, non sono alla moda (non porto mia figlia in tacchi alti e tutta truccata!)e sinceramente quando la vado a prendere e non mi "caga" nessuno me ne frego perchè ho tutto l'amore della mia pulce che mi salta in braccio e mi da tanti bacini!!!
    Auguri e buona festa della mamma!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri anche a te! Cmq guarda che in fatto di cellulari penso di batterti: ne ho uno che ha la bellezza di 5 anni e mezzo...ormai è dichiarato reperto di archeologia telefonica e tutelato dal Ministero delle Telecomunicazioni....

      Elimina
  17. Have a great weekend, Mara!

    Hugs, Pietrik

    RispondiElimina
  18. ciao Mara
    leggo le tue buone riflessioni nel giorno dedicato a noi mamme!
    La tua piccolina conosce e vuole bene alla sua mamma così come è, non credo si aspetti comportameni analoghi alle altre, la sua è speciale, è la sua mamma...
    Aspetta di beccarti il primo saggio di musica... che delirio, altro che riprendere ogni momento!
    auguri cara mamma
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aiuto! e infatti, una delle cose che mi è passata per la testa, è che avrò tanti anni di saggi/dimostrazioni davanti a me!!!!

      Elimina
  19. Ciao Mara, non sono ancora mamma, e probabilmente conoscendo la mia indole super iper paranoica e ansiosa mi farei tante domande come te le sei fatta tu.........
    Non ti conosco ma non sò cosa mi porta a dirti che sono certa che tu sia una mamma speciale per i tuoi piccoli, non ho dubbi....
    La mamma è sempre la mamma, con i suoi pregi e difetti......
    ti abbraccio forte Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni mamma è speciale agli occhi dei propri bimbi!
      un abbraccio anche a te!

      Elimina
  20. Ciao Mara, il tuo post mi ha fatto tornare indietro di qualche anno, a quando io, poco più che un' adolescente acccompagnavo il mio sam all'asilo e già era in arrivo giò...momenti bellissimi ed indimenticabili ma pieni di fatica rinunce e interrogativi se quel che stavo facendo fosse giusto o sbagliato. Oggi ti dico con il cuore che, sento di aver fatto un buon lavoro, nonostante la mia giovanissima età, ho due splendidi ragazzi anzi due uomini!!!...In bocca al lupo e tranquilla tutto andrà bene. Un abbraccio Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rita! caspita, devi essere stata proprio tosta a crescere due piccoli così giovane!!!

      Elimina
  21. Anche io ho reagito come te, sia all'asilo che nelle scuole successive, ti posso garantire che ancora non hai visto nulla. "Mamme in agitazione da prestazione" fino a rendersi ridicole, purtroppo i figli crescono tali e quali ai genitori addirittura dopo una recita in seconda elementare una mamma si è presentata con un mazzo di fiori degno di una "prima da oscar", ho dovuto faticare per restare seria quando lo ha consegnato alla figlia. Io invece ho accolto mia figlia e i compagni dicendo loro: Siete stati proprio bravi, ora vi meritate proprio un bel gelato!
    Un abbraccio Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhè, non ci credo....il mazzo di fiori....un tantino esagerata secondo me...Io, se fossi stata una bimba, avrei stra-preferito un bel gelato!!!!

      Elimina
  22. Ciao Mara ho appena scoperto il tuo bellissimo blog, e questo post mi ha subito fatto venire voglia di scriverti!:) come ti capisco, ho una bimba al nido che l'anno prossimo andrà alla materna e un maschietto in arrivo tra un mese! ora mi giro un po' il blog, anche io ho la passione della casa e le immagini che posti sono bellissime, ancora complimenti! un bacio

    RispondiElimina
  23. Ah Sara! allora siamo uguali: Sofia ha 3 anni e Amedeo quasi 7 mesi!!!

    RispondiElimina

Thank you for visiting me! All your comments make me happy! I will read each one carefully and respond to them!