Voluti tutti e due???

Domanda che mi sono sentita porre due settimane fa'.
Ovvero: hai voluto entrambi i tuoi figli o sono stati degli "scivoloni"?
A parte che mi sembra una domanda poco elegante da porre,
a parte che dimostro meno anni di quelli che ho e, a volte,
mi prendono per una venticinquenne (anche se ho 35 anni compiuti),
a parte che la mia risposta è stata: "Fortissimamente voluti entrambi",
a parte tutto, insomma, questa domanda mi ha fatto
riflettere molto.




Veramente in Italia, oggi, avere due figli vicini per età è una cosa incredibile?
Veramente in Italia, oggi, una donna può solo scegliere tra famiglia o lavoro
in modo assolutistico, bianco o nero, prendere o lasciare?
Veramente in Italia, oggi, spaventa la volontà, la voglia, il desiderio, di avere una famiglia,
nonostante tutto, nonostante la crisi?

Probabilmente sì.

Perchè una persona dovrebbe chiederti se i tuoi figli sono voluti o meno?
Forse perchè sembra impossibile che una donna voglia avere dei figli e, contemporaneamente,
desideri esprimersi anche al di fuori della famiglia, in una professione?
Oppure siamo diventati tutti così egoisti ed abituati a soddisfare
i nostri, e solo nostri, bisogni e capricci che non riusciamo a 
pensare di poterci dedicare completamente ad un altro essere umano,
mettendoci in secondo piano?
Non è che, magari, tutta questa cultura dell'avere e dell'accumulare
 ci ha un po' impoverito e costretto
a pensare solo in termini economici di dare/avere,
senza tenere conto del
"donarsi" agli altri
(come una mamma sa fare)?
Ma, soprattutto, avere figli può essere considerato
una voce in "Uscite" del nostro bilancio personale o,
piuttosto, una voce da inserire nella colonna delle
"Entrate"?

Avere figli, essere genitori, è impegnativo, è stancante,
comporta sacrifici.
Ma io sono felice della mia scelta.
Della mia scelta fortissimamente voluta.

40 commenti

  1. mara che dire.".....".....io ne ho 3 di bambini 7e 3 anni e l ultima di 3mesi.......mi fanno spesso quella domanda.....ma se anche fosse penso che i figli vengono perche qualcuno te li manda e celeste ne e la prova.....il suo nome significa venuta dal cielo......
    la cosa che piu mi infastidisce e' quando ti dicono.... ADEsSo BastA PeRO'' .....la gente non ha tatto....

    RispondiElimina
  2. Io ho avuto due spledidi figli a distanza di poco meno di 3 anni l'uno dall'altro e devo confessarti che sognavo anche il terzo.
    Sarà che la donna ha più risorse, più energie o chissà cosa in più dell'uomo, ma l'idea spaventava molto mio marito il quale si è detto subito contrario. Ho accettato la sua posizione (alcune argomentazioni a pensarci bene erano anche valide) e non ho più insistito. Forse gli avrei potuto dedicare poco tempo mi dico...
    Lavoro 8 ore al giorno e gestire casa e figli senza alcun aiuto è un'impresa... eppure sarei sempre pronta ad accogliere un nuovo frugoletto, anche se penso che ormai sia troppo tardi perchè di anni ne ho 40 ed Elly e Pilo sono ormai grandicelli (9 e 6 anni).Fatto sta che i figli sono la cosa più bella del mondo!
    Baci
    mmd

    RispondiElimina
  3. Io la settimana scorsa ho detto al mio titolare che sono incinta e mi ha fatto la stessa identica domanda (preciso che ho 32, convivo da 2 anni e sono assieme alla stessa persona da 14 anni!!!). A differenza tua io mi sono rifiutata di rispondere ad una domanda così idiota... lui ovviamente ha interpretato nel modo sbagliato la cosa e ha capito che il mio silenzio equivalesse ad un si. La sua affermazione successiva è stata "Ah allora va bene!". Devo aggiungere altro??

    RispondiElimina
  4. In effetti non è che brilli di eleganza come domanda.
    Io di figli ne ho 2, un po' più grandicelli...17 anni Sofia e 13 Leonardo, volutissimi, prima di Sofia ne ho persi 2...e ormai, dopo Leo era un po' tardino per farne un terzo, ma sono convinta che anche se fossero stati degli "scivoloni" sarebbero stati i migliori della mia vita.
    Un bacio e complimenti per i tuoi splendidi tesori.
    Cri

    RispondiElimina
  5. Anche a me la domanda non sembra il massimo dell'eleganza.
    Io ho solo una pupetta che ha un anno e 5 mesi. Ora come ora però non mi sento di averne un altro.. In futuro si vedrà.

    RispondiElimina
  6. fortissimamente donne, è questa la nostra forza! ho due figli, una di 25 e uno di 16 e alcuni pensano che io mi sia persa qualcosa nella vita iniziando a fare la mamma a 24 anni, tra l'altro non si è trattato di uno "scivolone", lei è sta "fortissimamente" voluta, come il secondo! proprio ieri sera mio figlio mi ha detto della prematura scomparsa della mamma di un suo compagno di classe, ed il mio pensiero è andato a lei, al dolore lacerante di sapere quale vuoto avrebbe lasciato nella vita del prorpio figlio...

    RispondiElimina
  7. Rimango sempre troppo spesso ferita/basita di fronte alla mancanza di tatto e sensibilità delle persone.
    Io ho una storia particolare e di sofferenza alle spalle e non abbiamo avuto figli anche se il progetto iniziare e romantico era di farne almeno tre.
    Credo che un figlio sia una benedizione e troppo di frequente vedo che arriva a persone che non si rendono conto di quale dono sia loro capitato.
    Sono davvero felice di leggere quanto i tuoi bambini siano stati desiderati e sono fermamente convinta che questi frugoli cresceranno con una marci in più grazie a tutto l'amore ricevuto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara, ti mando un abbraccio forte per quello che hai scritto qui.
      Mara

      Elimina
    2. Le persone molte volte usano la lingua come una spada e quando ci sono persone che soffrono,come Sara o come me che ho lottato per ben 12 anni prima di adottare la mia splendida bimba, è davvero brutto sentirsi dire che è stato un errore...che è una vita piena di problemi con i bimbi o roba varia...per non parlare di quelli che stanno sempre a chiederti quando arriva questo bebè...quando ne fai un altro...etc etc. Mara è molto bello leggere la tua frase..."fortissimamente voluti"...sei una splendida mamma e le tue riflessioni sono giustissime!

      Elimina
  8. Bellissimo post e bellissimo punto di vista per una ragazza giovane ma non troppo che non riesce a capire se come quando e come farò...

    RispondiElimina
  9. che domanda....ma come si fa??!? A me invece chiedono spesso: "a quando il 4°?", bè almeno forse è perchè sanno che i primi 3 (7, 5 e 2) erano davvero voluti :-)
    A volte le persone non si rendono conto di quello che dicono, e forse non sanno cosa voglia dire avere la casa piena di sorrisi, urla, giocattoli ovunque....
    Avere figli non è una rinuncia, io lavoro, ma mi so organizzare, a volte è vero che è difficile ma basta che vadano una sera dai nonni e si sente un vuoto incredibile....
    E sai cosa ti dico? Che aver letto questo tuo post e averti risposto mi ha riempito il cuore di gioia, mi sono fermata qualche minuto per riflettere e ho pensato ai miei cuccioli :-)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti noi mamme lavoratrici abbiamo una vita "intensa", è bello potersi fermare un momento e ricordare le ricchezze vere...
      Ciao Sofia che ti chiami come la mia piccola Sofia ;)

      Elimina
  10. Non c'è niente da aggiungere cara Mara. Quel poco che non hai detto tu l'ha detto Sara qua sopra. Io ho solo voglia di rispetto per le scelte e i problemi di tutti, ho solo voglia che la smettano di chiedermi "e allora, novità?" solo perchè siamo sposati da un anno e mezzo e siamo ancora in due ed entrambi lavoriamo tanto. Ho solo voglia che i bambini "capitati" almeno capitino a dei genitori in grado di non ricordarlo a tutti ogni santo giorno. Che a volte ti verrebbe da dire "ma scusa, ma se ti pesa così tanto dammelo a me, no? " I figli sono una fortuna, una benedizione, e questo argomento andrebbe sempre trattato solo così, come hai fatto tu oggi. Un abbraccio grande a te e a tutta la famiglia. Siete speciali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante Parole... ancora di più inizio a detestare chi si lamenta continuamente senza capire la fortuna che ha avuto!

      Elimina
    2. Rispetto per le scelte di tutti, incondizionatamente. Quanto hai ragione Sara!

      Elimina
    3. Forza ragazze...la gioia arriverà presto...siate forti e speranzosi come lo siamo stati io e mio marito!

      Elimina
  11. Mara ti comprendo benissimo! Bisognerebbe chiedere alle persone che fanno certe sciocche domande "Ma tu sei stato voluto o sei solo uno sbaglio?" Vorrei ascoltare la loro risposta e osservare la loro espressione imbarazzata, ma io non avrei mai la spudoratezza di fare una domanda simile.... Io di figli ne ho tre, perciò ti lascio immaginare i commenti (italiani) al riguardo. E sì perchè il problema è fondamentalmente italiano purtroppo!!!
    Baci
    Federica

    RispondiElimina
  12. Non capisco il senso della domanda..se non sono voluti li butti?ma la gente non aziona mai il cervello prima di parlare!!

    RispondiElimina
  13. Cara Mara, io ti parlo da figlia "non programmata" da una mamma che all'epoca (30 anni fa) aveva 40 anni e l'ha fatta grossa, perchè siamo due gemelle!
    ...nel corso degli anni ho sentito donne ed uomini rivolgere la domanda che citi tu al supermercato, al mercato, in ospedale, a scuola...
    Non credo che sia la mossa più delicata del mondo e credo che la dica parecchio lunga sulle convenzioni sociali: un tempo nessuno si scandalizzava per 3-4 figli, ma il tempo massimo era 33-34 anni, ora l'età si allunga, ma progettare due o addirittura tre pargoli è una scelta che ti porta verso la strada della mamma-a-tempo-pieno-e-basta.
    Oggi sembra sia impossibile in Italia poter aver figli ed essere anche una brava professionista, una donna che non rinuncia alle proprie ambizioni.
    Io credo invece che ci sia bisogno di donne come te e come molte commentatrici qui sopra (e, passatemelo, come mia mamma) che dimostrano al mondo ogni giorno che ci sono tanti modi di essere una brava mamma, lontano anni luce da figure stereotipate in cui sarebbe comodo inquadrare tutto.
    Grazie per questa riflessione!

    RispondiElimina
  14. Quello che mi ha fatto riflettere molto, sono proprio le premesse culturali di una domanda di questo tipo. Ovvero: hai veramente scelto di avere dei figli in un periodo come questo? Hai veramente scelto di avere dei figli e vuoi comunque lavorare? Hai veramente scelto di avere due figli vicini per età non tenendo conto dei tuoi bisogni, dei tuoi spazi come persona? Queste sono, secondo me, le cose che si è chiesta - nella sua testa - questa persona mentre mi faceva questa domanda. E lo considero un po' lo specchio dei tempi in Italia, del correre, dell'accumulare, del programmare un figlio solo quando determinati obbiettivi sono già stati raggiunti. Come se fare un figlio possa essere considerata una voce da spuntare e da programmare all'interno dell'infinita lista di attività che abbiamo da fare nella nostra vita. E' questo che non capisco, non tanto la domanda in sè, ma tutto ciò che ci sta dietro.

    RispondiElimina
  15. Ciao Mara, sono Miriam. Non ho mai commentato (pur leggendoti in silenzio), ma con questo post non posso proprio trattenermi. Ho 32 anni, mi sono laureata in ingegneria ambientale a 25, sposata a 26 e avuto il mio primo bimbo a 27. E adesso ho anche una bellissima bimba di due anni. Tutto volutissimo. E ho anche sempre lavorato. Sono d'accordissimo con quello che scrivi e grazie per il post. Si può fare, tutto. Adesso, da due mesi vivo in Inghilterra con mio marito per motivi di lavoro e frequento tanti posti per bambini con la mia più piccola. Qua le mamme hanno due-tre- quattro figli molto vicini l'uno all'altro. C'è tanto supporto e tanti servizi per loro e tantissime di queste mamme rientrano al lavoro. Si può, si può .... E la mia famiglia e i miei bambini, sebbene mi portino a fine giornata ad essere distrutta e anche stressata a volte perchè è faticoso essere mamma, mi danno tanta voglia di fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miriam, sì, in effetti in Italia una mamma è un po' lasciata a se stessa, o meglio: i servizi sociali sono veramente inadeguati per la prima infanzia rispetto a quelli di altri Paesi europei e, le più fortunate (tra cui anch'io) possono "sopravvivere" appoggiandosi ai santi-nonni.
      Ciao!

      Elimina
  16. Alcuni aprono la bocca solo per farle prendere aria e non si accorgono della poca delicatezza di certe affermazioni.
    Essere genitori è la cosa più difficile da fare ........ma è anche la cosa che da maggiori gratificazioni e soddisfazioni in assoluto....
    Ciaooooo
    Paola

    RispondiElimina
  17. Che strane curiosità a volte che hanno le persone... Io per ora ho solo un bimbo di quasi 3 anni (fortissimamente voluto anche lui!), fare i genitori comporta tante responsabilità quante tante soddisfazioni, credo che si possa fare tutto bene se uno lo vuole e si organizza! Le uscite sono di denaro ma le entrate sono gioa,sorrisi, giochi, abbracci, baci, sguardi che nemmeno i soldi potrebbero ripagarci di questo! E poi diciamocelo ma uno nella sua vita potrà fare come vuole senza avere il pregiudizio della gente intorno?!?!
    Complimenti per i tuoi bellissimi bimbi!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao Mara. Io ho tre figlie ormai adulte e sposate. Ma quando erano piccole (e mi sembra ieri...) la gente ci guardava come se fossimo stati dei pazzi. Fare tre figli voleva dire essere degli incoscienti. Tant'è che a volte mio marito si vergognava. Vedo che non è cambiato molto... Peccato, perché anch'io penso che i figli siano un arricchimento. E alla fine, le uscite e le entrate come minimo si compensano, per me c'è addirittura un grandissimo guadagno.
    La domanda se sono voluti la dice lunga sul valore che si dà oggi in Italia al fare figli e mettere su famiglia. È come se avere dei figli fosse uno sbaglio già in partenza...
    Io vivo in Svizzera ormai da tanti anni e qui il problema non esiste, non solo perché forse economicamente stiamo un pochino meglio, ma proprio perché i bambini e la famiglia sono ancora dei progetti di vita importanti.

    Saluti cari
    Cinzia

    RispondiElimina
  19. Eh che brutta frase!!!.... che tristezza pensare che siamo cosi abituati che facciamo figli tardi e pochi che la gente si senta normale a fare una domanda del genere? Effettivamente abbiamo preso una moda che non è molto bella facciamo il primo figlio tardi e quindi per il secondo non c'è posto, ma da qui ad arrivare a chiederti se è stato uno scivolone ce ne passa. A me non è mai stato chiesto ma forse perchè hanno ben 4 anni di differenza... mah sono basita e capisco la tua perplessità, sai anche che però in giro di gente str... c'è nè parecchia. ;-)

    RispondiElimina
  20. Cara Mara, come non commentare questo post! Io ho 34 anni, i miei figli hanno 7 e 4 anni e mezzo. Assolutamente voluti, tanto, dato che non è che sono arrivati, così... subito, per capirci.
    Sono una mamma diversa dalle altre (questo è innegabile dirlo), perchè sono più giovane e lavoro a tempo pieno...
    Non ho calcolato cosa volesse dire, non ho calcolato cosa avrebbe comportato nel lavoro, o nella mia vita.
    Ho solo ascoltato quello che diceva il cuore.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho fatto così Silvia, ho seguito il cuore, la pancia, quello che volevo veramente. Ho voluto i miei figli... poi ho pensato al resto :)

      Elimina
  21. i figli sono una grazia!!!!!!!!! SEMPRE!!!!!!!!!!!!! Lory

    RispondiElimina
  22. Cara Mara,ho 48 anni,prima figlia a 32(sposata a 31) fortissimamente voluta,poi...grazie alle notti in bianco e alle esigenze del momento...sono "volati" 7 anni,e quindi a 39 altra figlia fortissimamente desiderata!!! Credi che io sia stata dispensata dalle critiche....uhuhuhuhhhh e allora...se ci sono pochi anni non va bene, se ce ne sono troppi neanche...qual'è il metro giusto? Io ne ho uno solo: L'AMORE per loro,vero,reale,indiscusso.
    Lieta

    RispondiElimina
  23. Ho la sensazione che in Italia le donne qualunque cosa facciano sbagliano. Se non fanno figli, sbagliano. se ne fanno solo uno, sbagliano. Due o tre? Sbagliano.
    C'è sempre qualche obiezione, impedimento, difficoltà sulla nostra strada. E' per questo che siamo creature così forti. Noi andiamo avanti, a prescindere, seguendo il cuore.
    E che gli altri si fottano.
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena! In effetti in Italia le donne non hanno vita facile. In nessun campo. Siamo forti, sì, ma a volte un po' di rispetto reciproco per le reciproche scelte non guasterebbe. E non sono polemica, solo un'osservatrice che si rende conto di qunto l'argomento "figli" sia in effetti complicato in Italia, da qualunque punto di vista lo si prenda. Ciao!

      Elimina
  24. Dolce Mara la domanda non solo è poco elegante, ma è davvero di cattivo gusto. Se i figli non arrivano tutti lì a tempestarti di domande che poco fan bene al cuore, se grazie a Dio ne fai 2 non va bene xché in un mondo così sei folle, se ne hai uno la domanda di rito.. E la sorellina quando gliela fai? Che aspetti? Un mondo pieno di dottorini pronti a dirti cosa fare e come farlo, tutti preoccupati a dare regole alle vite altrui! Ma è follia???? Hai 2 bimbi, sei una mamma dolcissima una creativa, una donna, una moglie, sei 100 te stessa, io l'univa cisa che ho voglia di dirti è " che bella favola hai!"
    Ti abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  25. Ciao Mara,
    Forse chi ha posto questa domanda in realtà celava la propria paura nell'affrontare questo tema, forse questa persona non è, non si sente pronta, forse è schiacciata da altri che le continuano a dire che " è ora"...No, non giustifico una domanda simile a una mamma. cerco di mettermi nei panni , forse, di questa persona ma la domanda resta a me incomprensibile. per me tutti i figli son voluti, se porti a termine una gravidanza il tuo bimbo è voluto... io avevo 23 anni, non ho programmato, ma quando è stato, è stato GRANDE. Non capisco chi rinuncia facendo mille conti, non lo capisco, chi dice no in nome della crisi... certo i filgli costano altroché ma ciò che ti restituiscono vale tutto il sacrificio che si fa, sempre!
    ciao
    Lisa

    RispondiElimina
  26. brava MAMMA Mara.... essere mamma e' il mestiere piu' difficile del mondo e non c'e' scuola che ti prepari per quanto uno si possa documentare... solo uno l'ingrediente essenziale: l'amore... detto questo e' detto tutto.. essere mamma vuole dire DARE, dare incondizionatamente e senza aspettative. Premesso questo la mamma e' anche una persona con una propria personalita' e vita e fare la mamma non vuole dire annullarsi completamente, se una persona e' soddisfatta della propria vita sara' di sicuro in grado di dare ai propri figli equilibrio e serenita'.
    p.s. questa era la lezioncina retorica, in effetti la realta' e': si fa come si puo'..... io ho tre figli, ormai grandi e continuo a mettere in discussione il mio ruolo di mamma..
    patri

    RispondiElimina
  27. Bellissimo post Mara... hai veramente espresso in maniera perfetta quella che purtroppo è la situazione attuale!
    Tante volte mi chiedo se sia la vita frenetica di oggi a porci questi "dictat" o se siano le persone di oggi ad aver perso i valori di base.
    Quando sento certe mamme (ebbene sì, persone già con figli), dire "aspetta a farne che dopo non hai più tempo per niente" e "un figlio ti cambia la vita e dopo non puoi più fare altro che dedicarti a lui" mi vengono i brividi...
    Penso che avere dei figli sia la cosa più bella che la natura abbia donato a noi donne... e non vedo il tempo dedicato a loro come un "tempo sottratto", ma piuttosto me un "tempo guadagnato". E non penso neanche che una donna debba annullarsi dopo aver avuto dei figli, ma penso che si possa ancora trovare il giusto equilibrio... basta volerlo!
    Non sono mamma e quindi parlo da persona che (purtroppo) ancora non sa quale sia l'impegno reale con un figlio, ma sono pienamente convinta che la realizzazione personale di una mamma possa essere affiancata al suo grande amore per i figli.
    Penso poi a quante volte nella mia testa mi balena il brutto pensiero del "e se non potessi averne?" e credo che le donne che in questa vita hanno questa fortuna dovrebbero apprezzare questo grande dono e non vederlo come una cosa che deve essere fatta o come un peso da sopportare... i figli sono un dono che arricchisce la vita e la rende completa nel suo insieme. Punto. Non ci sono né se e ne ma.

    Un bacio grande e grazie ancora per questo post!
    Eleonora

    RispondiElimina
  28. BRAVA! E temo proprio che ciò che si avvicina di più alla realtà sia la tua descrizione dell' egoismo e della voce uscite....già.... tristezza infinita per chi la pensa così! Fra

    RispondiElimina
  29. Non posso che condividere tutto... 5 volte! :)

    RispondiElimina
  30. Bravo! les enfants c'est la VIE!

    RispondiElimina

Thank you for visiting me! All your comments make me happy! I will read each one carefully and respond to them!