The Books Cafè: Sandor Marai, un altro autore che amo


Buongiorno!

Eccoci con la rubrica dedicata ai libri, "The Books Cafè". 
Di solito è l'ultimo venerdì del mese, 
ma febbraio con i suoi 28 giorni mi ha scombussolato, 
così la rubrica è slittata di una settimana! 

Oggi vi parlo di uno dei miei autori preferiti: 

Sandor Marai 

e di uno dei libri che ha scritto che ho amato di più: 

"Le Braci" 

Good Morning!
Here we are with "The Books Cafè",
my post dedicated to books.
Usually it is the last friday of the month,
but February with its 28 days has upset
my scheduling, so it has been delayed of a week!

Today I will talk to you about one of my faveoutire author:

Sandor Marai

and about one of his book I have loved most:

"Embers"





Il plot narrativo de "Le Braci" è in realtà molto semplice: 
tutto si svolge nell'arco termporale di una giornata e
in un luogo preciso, il castello ai piedi dei Carpazi dove Henrik, il Generale,  ha atteso Konrad, l'amico un tempo fraterno e inseparabile, per 41 anni.
In questi 41 anni Henrik si è preparato ad affrontare
l'amico che lo ha tradito allontanandosi poi da lui, riflettendo
sul senso dell'amicizia e dell'amore.

Nonostante la scena narrativa si riduca all'incontro
tra i due ormai anziani amici e al lungo
 monologo di Henrik, quasi un torrente di parole
costruite con precisione nei lunghi
e bui anni di solitudine, il libro è avvicente e 
percorso da una grande tensione.

Amicizia, amore, tradimento, illusione, passione, Sandor Marai
è in grado di descrivere l'animo umano
e le emozioni che prova, in modo accurato e
mai banale.
Ve lo consiglio caldamente se amate i libri 
di introspezione, quelli che scavano
nelle emozioni dell'animo umano.


The plot of "Embers" is really simple:
everything happens in one day and in a defined place,
the castle in the Carpathian Mountains where Henrik,
the General, has waited for Konrad, once his best friend, for
41 long years.
During these 41 years Henrik has lived preparing himself
to face the friend who betrayed him and escaped abroad, 
 and thinking about friendship and love.

Even if the book is quite all about the meeting
of the two old friends and Henrik's long soliloquy,
a stream of words created with precision
during his long solitary years, the book is
thrilling and engaging.

Friendship, love, betrayal, illusion, passion, Sandor Marai
can describe the human feelings and emotions in a
very deep way.
I higly recommend it to all of you who loves books
of introspection, books that deepen into
human heart.



5 commenti

  1. Non l'ho letto ma mi ha incuriosito! dalle tue parole mi ricorda in un certo senso Hermann Hesse, alla ricerca e alla scoperta dell'animo umano..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti è intimista come Hesse!

      Elimina
  2. Ciao, l'ho letto tantissimo tempo fa e mi era piaciuto molto ... quasi quasi me lo rileggo!
    Un abbraccio
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così bello che vale la pena rileggerlo!

      Elimina
  3. bello, l'ho letto diversi anni fa, mi hai fatto venire voglia di rileggerlo!
    grazie
    Imma

    RispondiElimina

Thank you for visiting me! All your comments make me happy! I will read each one carefully and respond to them!